Castello di Meleto rinnova l’impegno per l’ambiente nel Chianti Classico

Castello di Meleto rinnova l’impegno per l’ambiente nel Chianti Classico

La più grande azienda biologica del Chianti Classico – custode di oltre 800 ettari di bosco, 150 di vigne e 15 tra uliveti, allevamenti bradi di cinta senese e spazi dedicati all’apicoltura – e l’unica del territorio a possedere un castello del Duecento perfettamente conservato, oggi splendida struttura ricettiva: Castello di Meleto si sveste del titolo Viticola Toscana (con cui nacque grazie a un crowdfunding ante litteram nel 1968) e diventa a tutti gli effetti Società Agricola. Occasione, quella del cambio di ragione sociale, per fare il punto sui risultati dell’impegno degli ultimi anni nella salvaguardia dell’ambiente, coronato anche, ma non solo, con la conversione al biologico nel 2018. […]

Leggi tutto »
Tasca d’Almerita è la cantina europea dell’anno

Tasca d’Almerita è la cantina europea dell’anno

Un traguardo mai raggiunto prima da una cantina siciliana, che rende merito al grande impegno per la crescita qualitativa di un intero “continente enologico”: questa potrebbe essere la sintesi del valore del premio “Cantina Europea dell’Anno”, assegnato a Tasca d’Almerita dalla testata americana, Wine Enthusiast. “L’impegno assunto dalla famiglia Tasca d’Almerita per la viticoltura sostenibile in Sicilia ha avuto un’influenza estremamente positiva sul vino, sull’ambiente e sulle altre cantine anche in tutta Italia, migliorando la qualità e diffondendo il messaggio di sostenibilità”. Con questa motivazione Wine Enthusiast, grazie anche alla conoscenza del territorio e al lavoro di ricerca dell’Italian editor […]

Leggi tutto »
Il metodo Asolo Montello per la viticoltura sostenibile

Il metodo Asolo Montello per la viticoltura sostenibile

Il Metodo Asolo Montello è realtà. Dopo alcuni mesi di lavoro, il Consorzio Vini Asolo Montello ha infatti adottato il documento programmatico con lo scopo di favorire una viticoltura integrata a bassa chimicizzazione attraverso tecniche viticole sostenibili e responsabili. Obiettivo del Metodo, fortemente voluto dal consiglio d’amministrazione del Consorzio, è la salvaguardia del territorio e del paesaggio, oltre che della salute dei cittadini. “Attraverso questo strumento – spiega Ugo Zamperoni, Presidente del Consorzio Asolo Montello e tra gli estensori del documento – intendiamo promuovere quelle pratiche che permettono una corretta coltivazione della vite, diminuendo così l’utilizzo di agenti chimici. Dopo il […]

Leggi tutto »
Vinitaly, il Prosecco investe sulla sostenibilità

Vinitaly, il Prosecco investe sulla sostenibilità

Si ispira al protocollo Equalitas la nuova sfida a tema ambientale messa in campo dal Consorzio di Tutela del Prosecco DOC. Si chiama infatti PRO.S.E.C.CO. DOC (PROgramma della Sostenibilità E del Controllo della COmpetitività della filiera vitivinicola ProseccoDOC – Mis. 16 PSR Regione Veneto) ed è il prototipo di sistema di gestione sostenibile della Denominazione che, come per la certificazione creata dalla società Equalitas (controllata da Federdoc e partecipata da CSQA-Valoritalia, 3A vino e Gambero Rosso), si muove sui pilastri ambientale, etico-sociale ed economico. Il tutto con l’obiettivo di arrivare in futuro ad avere una sostenibilità certificata a livello territoriale.   Prosecco: una sostenibilità certificata a livello territoriale A presentare a Vinitaly il […]

Leggi tutto »
A Vinitaly con Equalitas: nove pionieri della sostenibilità

A Vinitaly con Equalitas: nove pionieri della sostenibilità

Sono toscane, pugliesi e lombarde, le prime nove aziende italiane a ricevere la certificazione Equalitas, lo standard che attesta il livello sostenibile dalla cantina alla bottiglia, passando per il territorio. Si tratta di sei cantine toscane, due pugliesi e una dalla Lombardia: i primi nove ‘pionieri’ che, il 16 aprile, a Vinitaly, hanno ricevuto la certificazione Equalitas, nata con l’obiettivo di aggregare le imprese del settore vitivinicolo per dare una visione omogenea su questo tema e creare un modello unico e condiviso fra i rappresentanti di filiera. Gli attestati sono stati consegnati alla Fiera di Verona, alla presenza, tra gli altri, […]

Leggi tutto »
Bio o vegano? Il vino italiano alla conquista del mondo

Bio o vegano? Il vino italiano alla conquista del mondo

I vini bio fanno segnare un aumento del 26 % delle vendite in volume con 2 milioni e mezzo di litri nella grande distribuzione. Quelli vegani mettono a segno un incremento del 35% di richieste di certificazione spinte da 1,8 milioni di vegani presenti in Italia. Sono questi, ormai, i segmenti più dinamici del mercato del vino.     I segmenti più dinamici del mercato del vino Il biologico non può certo essere più considerato una nicchia: secondo la Coldiretti e Infoscan si sta affermando strutturalmente sul mercato. I viticoltori italiani, infatti, con i vigneti coltivati a biologico o in conversione, hanno raggiunto 83642 ettari al 1 gennaio 2016 con un […]

Leggi tutto »
Tenute Nicosia: dall’Etna a Vittoria, la sostenibile strada verso la qualità

Tenute Nicosia: dall’Etna a Vittoria, la sostenibile strada verso la qualità

Vittorio Ferla   Il quartier generale dell’azienda Nicosia si trova a Trecastagni, a pochi chilometri da Catania. Siamo alle pendici dell’Etna, in un territorio collinare, circondato da vari coni vulcanici di diversa dimensione ed epoca.   Sul Monte Gorna a Trecastagni I più grandi, Monte Gorna e Monte Ilice, sono di notevoli dimensioni ed è possibile risalirli per visitare gli antichi crateri, un tempo coltivati, oggi abbandonati. Pare che, all’esterno del Monte Ilice, si trovi pure un’antica masseria nella quale Giovanni Verga ambientò il suo romanzo ‘Storia di una capinera’. Graziano Nicosia mi accoglie in azienda. Con lui c’è Antonio […]

Leggi tutto »